Sergio Pelone

"Generalmente ci si dedica all'arte dopo aver vissuto" (Yukio Mischima)

Sergio Pelone ha iniziato a lavorare nell’industria cinematografica nel 1985 come Direttore Amministrativo della CIDIF (Consorzio Italiano Distributori Indipendenti Film), ruolo che ha ricoperto sino al settembre 1993. Dall’ottobre dello stesso anno, ha ricoperto l’incarico di Direttore Amministrativo e Finanziario del Gruppo Finerre, di Angelo Rizzoli, incarico che ha lasciato nel 1994 per occuparsi della gestione amministrativo-finanziaria della società di distribuzione e produzione cinematografica Lucky Red.

Sergio Pelone lascia la Lucky Red nel 1997 per costituire la propria società, The Bottom Line, con la quale produce il suo primo film Jurij (1999), per la regia di Stefano Garbini.

Nel 2000 Sergio Pelone entra in partnership con Marco Bellocchio nella società Filmalbatros, con la quale ha prodotto e distribuito: L’ora di religione (2002), per la regia di Marco Bellocchio; il documentario Addio del Passato (2002), per la regia di Marco Bellocchio; il documentario Stessa rabbia, stessa primavera (2003), per la regia di Stefano Incerti; Buongiorno, notte(2003), per la regia di Marco Bellocchio; Il regista di matrimoni(2005),per la regia di Marco Bellocchio; il documentario Il suono Instabile della libertà (2010), per la regia di Marco Bergamaschi ed il documentario Alisya nel paese delle meraviglie (2010), per la Regia di Simone Amendola.

Nel 2006 riprende l’attività con la The Botttom Line producendo Two Tigers (2006) una co-produzione Italia-Cina, per la regia di Sandro Cecca,; il cortometraggio Sangre de Perro (2006), per la regia di Leonardo D’Agostini; Sopra le Nuvole (2008), per la regia di Sabrina Gigli e Riccardo Stefani, il documentario Quando Combattono gli Elefanti (2009), per la regia di Simone Amendola e Gorbaciof (2010), per la regia di Stefano Incerti.

È membro dell’Accademia del Cinema Italiano, premi David di Donatello dal 2001 e dell’European Film Accademy dal 2002.